Sappiamo tutti sicuramente che i film di fantascienza moderni raramente hanno molto in comune con la fisica e la scienza reali. Ma questa particolare domanda probabilmente ha attraversato la mente di molti appassionati di fantascienza: cosa accadrebbe a un essere umano quando utilizza un dispositivo di teletrasporto, come il famoso “Transporter” della serie Star Trek? Star Trek, perline e filo, scultura di Devorah Sperber – Spock, Kirk e McCoy: Beaming-In (In-Between), Microsoft, Studio D, Redmond, Washington, USA. Credito immagine: Wonderlane via Flickr, dominio pubblico La scienza attualmente non può fornire una risposta precisa a questa domanda, perché l'attuale tecnologia allo stato dell'arte è ancora anni luce indietro rispetto a quelle capacità che sono raffigurate nel franchise di Star Trek. Ma ciò nonostante possiamo provare a immaginare il processo necessario per trasportare la materia usando un “raggio di energia”. L'idea principale afferma che la persona che entra in un tale trasportatore viene “convertita” in un modello energetico corrispondente che codifica tutte le informazioni sul soggetto. Quindi quale potrebbe essere la logica alla base di questa conversione: gli esseri umani vengono in qualche modo trasformati direttamente in energia, o l'apparecchiatura legge solo tutte le informazioni necessarie e quindi l'energia necessaria per la trasmissione viene prelevata da qualche altra parte? E poi cosa succede alla persona originale? Il seguente video non ha lo scopo di rispondere a questa domanda; tuttavia, i concetti principali dell'ipotetico dispositivo “Trasportatore” sono discussi dal punto di vista scientifico:

29 Views
(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *